Bullet Journal: come iniziare

Sono totalmente persa per il Bullet Journal. Dal momento che sono una Costante (fate il quiz di Gretchen Rubin per scoprire in quale delle quattro tipologie dominanti rientrate, può essere utile), mi sono scoperta un’amante di planner, diari, pianificazione, organizzazione, liste di cose da fare, calendari e così via. Navigando su Pinterest nel novembre del 2015, ho trovato il sistema Bullet Journal…cercando qualcosa di totalmente diverso. Volevo il famosissimo planner di Erin Condred per Natale, ma ho scoperto dolorosamente che farsi spedire qualcosa dagli Stati Uniti costa, e anche parecchio. Tramite Amazon avrei speso più di 100€ solo per il planner…cose da pazzi.Non ho davvero nessuna intenzione di investire una tale cifra per un planner, per quanto bello possa essere.

Quindi mi sono ritrovata davanti al sistema del Bullet Journal. Mi ha colpito subito perché è semplice, è molto economico (l’agenda, o journal appunto, lo scegli da te) e…tenetevi forte…è completamente personalizzabile. Puoi metterci dentro tutto quello che vuoi, e intendo davvero qualsiasi cosa. Piano delle spese, ricette, agenda giornaliera, agenda settimanale, mensile, annuale, lista dei libri da leggere, lista dei film da vedere, cose da fare, disegni, citazioni…qualsiasi cosa.

perché tenere un bullet journal può migliorare la tua vita

Se hai bisogno di essere più organizzato al lavoro, nei tuoi studi, o in generale nella tua vita, un Bullet Journal è lo strumento adatto. Non solo perché è economico e personalizzabile, ma soprattutto perché evolve con te. Io cambio setup molto spesso (ogni settimana, in realtà, perché mi piace sperimentare).

E’ quindi adattissimo per:

  • essere più focalizzato sui tuoi obiettivi
  • coltivare con frequenza nuove buone abitudini
  • tenere traccia delle tue attività (e trovare tempo per farne altre)
  • esprimerti artisticamente
  • tenere traccia dei tuoi progressi
  • tenere traccia degli impegni
  • tenere traccia…di qualsiasi altra cosa

Iniziare un Bullet Journal: alcune dritte

Ho iniziato con una Leuchtturm1917 (e penso continuerò sempre con queste agende bianche, perché sono magnifici e più economici rispetto ad una Moleskine), una matita, una gomma, una penna nera e qualche matita colorata: circa 20€ di spesa in totale. E’ stato particolarmente divertente andare per librerie e cartolerie alla ricerca dell’agenda giusta, quella con la copertina del colore che volevo e con le pagine “con i puntini”. Mi sono sentita come una bambina, felice ed entusiasta (e anche il mio fidanzato si è divertito parecchio, tanto che qualche mese fa ha iniziato il suo Bullet Journal…ma questa è un’altra storia).

Siate semplici e andate al risparmio. Avrete un sacco di tempo per andare a cercare e comprare strumenti più professionali o costosi, non toglietevi il gusto della ricerca. E’ un processo di crescita, lasciate che lo sia senza bruciare subito tutte le tappe.

Se avete bisogno di ispirazione o idee, vi consiglio di cercare “bullet journal” o “planwithmechallenge” su Pinterest o Instagram: moltissimi utenti postano giornalmente i loro bullet journal, sarete sommersi da idee.

I miei strumenti per il bullet journaling

Il mio set è praticamente rimasto invariato dall’inizio fino ad oggi. Adoro i colori e mi piace utilizzarli per dividere le varie attività giornaliere, o per tenere traccia di differenti compiti nell’habit tracker o nella lista delle pulizie (sì, ho inserito anche una lista delle pulizie).

Ecco come si presenta il mio set:

Bullet Journal starter kit

  1. set di 10 penne colorate della Faber-Castell
  2. Washi tapes (sono degli scotch di carta colorata, che possono essere attaccati e staccati senza rovinare l’agenda)
  3. Pigma Micron  01 & 08 della Sakura + Lettering Pen 10 della Pilot
  4. Linguette adesive per appunti
  5. Set di penne colorate di Tiger
  6. Righello Coccodrillo (:3)
  7. matita Faber-Castell Grip 2001 (2B)
  8. Leuchtturm1917 (turchese, A5 con carta puntinata)
  9. e…la zampa di Conero che cerca di rubarmi la gomma per cancellare

bulletjournaltools2

…e la gomma è sparita! La mia gomma se n’è andata, rubata, perduta…il mio tesssoro…ora sono una bullet journalist senza speranza. Conero 1 – Plusbizarre 0…uffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *